Scleromousse ecoguidata delle varici degli arti inferiori

mousse sclerosante

E’ l’iniezione di una mousse (schiuma) sclerosante, in una vena varicosa, sotto controllo ecografico. Secondo il consenso Europeo sulla mousse , tenutosi a Tegernsee (4-6 aprile 2003) Il trattamento e’ indicato nelle varici dei tronchi safenici, delle perforanti, nelle collaterali safeniche,nelle varici extrasafeniche , nelle varici recidive , nelle varici a partenza da punti di fuga pelvici e nelle varici della fossa poplitea. La mousse (schiuma) si ottiene miscelando per cavitazione un agente sclerosante detergente liquido, con aria sterile o , al fine di ottenere una schiuma piu’ compatta, piu’ stabile ed efficace con una miscela di gas biocompatibili costituita da 70% di anidride carbonica (CO2) e 30% di ossigeno(02).

I vantaggi

visione eco

I vantaggi della schiuma rispetto al solo liquido sono i seguenti: -la schiuma si diluisce poco nel sangue, anzi lo disloca all’ interno della vena, svuotandola; la schiuma entra cosi’ a diretto contatto e per piu’ lungo tempo con la parete della vena, avendo un’efficacia terapeutica maggiore -le dosi e le concentrazioni di liquido sclerosante impiegate sono molto inferiori , per cui vengono ridotti gli effetti collaterali legati al farmaco -la schiuma ha una forte ecogenicita’ per cui ,essendo visibile all’ ecografia, se ne possono seguire e modificare il sito di iniezione e la distribuzione all’ interno della vena con efficacia terapeutica mirata. Puo’ essere eseguita con tecnica di puntura –iniezione diretta, con cateterismo a mezzo di catetere corto o catetere lungo, con o senza tumescenza, la quale ultima, diminuendo uletriormente il calibro della vena, aumenta l’ efficacia terapeutica della metodica.

Share by: